CS dei GNRC N17 I Gruppi Cattolici nel Mondo invitano il Papa e il Vaticano a condannare la violenza contro le persone LGBTIQ in Ghana “Gli occhi del mondo sono ora rivolti verso il Ghana”

Secondo il Global Network of Rainbow Catholics, la comunità ghanese LGBTIQ è sotto attacco a seguito di una lettera dei vescovi cattolici del Ghana.

English / Español / Portuguese / Italian / French / Chinese

3 marzo 2021. La Rete Globale dei Cattolici Arcobaleno (GNRC), una rete di oltre quaranta organizzazioni che sostengono i cattolici LGBTIQ in tutto il mondo, dichiara: “Con la presente lanciamo un appello urgente a Papa Francesco, al Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin,  e al Cardinale Marc Ouellett, Prefetto della Congregazione per i Vescovi, per agire rapidamente per intervenire a favore delle persone LGBTIQ in Ghana “.  A causa di due recenti dichiarazioni – primo / secondo documento – della Conferenza episcopale cattolica del Ghana, diversi attivisti LGBTIQ sono stati arrestati o hanno subito violenze e gli uffici della principale organizzazione per i diritti umani LGBTIQ del Paese ad Accra sono stati chiusi.

Ruby Almeida, co-presidente della GNRC, ha dichiarato: “La dichiarazione originale della Conferenza episcopale cattolica del Ghana ha causato danni enormi alle persone LGBTIQ in molte parti del Ghana.  Il pericolo per la vita, la sicurezza e il sostentamento delle persone rimangono.  È imperativo che i leader della nostra chiesa intervengano a favore delle persone vulnerabili.  Devono dare sostegno e “rispondere ai bisogni della società” come delineato dalle Nazioni Unite, senza emarginare e invitare all’odio e all’ostilità nei confronti delle persone LGBTIQ del Ghana.  L’impegno della nostra chiesa per la dignità di ogni essere umano lo esige”.

Christopher Vella, l’altro copresidente della GNRC, ha aggiunto: “Gli occhi del mondo sono ora rivolti al Ghana, dove la soppressione dei diritti umani per i membri della comunità LGBTIQ sta diventando sempre più nota.  I leader della nostra chiesa devono scusarsi per le parole infiammatorie che hanno scatenato gli attacchi e devono prendere l’iniziativa per difendere la sicurezza e la dignità delle persone LGBTIQ.  La nostra sessualità e identità di genere non sono azioni o tendenze effimere, ma costituiscono veramente una parte fondamentale di ciò che siamo.  La Chiesa cattolica non deve essere vista come una chiesa che tollera la discriminazione sulla base dell’identità”.

Dumisani Macdonald Dube, rappresentante regionale africano della GNRC e membro dell’African Caucus della GNRC, osserva che un gruppo membro della GNRC, l’Interfaith Diversity Network of West Africa (IDNOWA) ha inviato una lettera aperta in cerca di un incontro su questo argomento al presidente del   Conferenza episcopale del Ghana, Mons. Philip Naameh.  Tuttavia, la risposta dell’arcivescovo Naameh non ha assunto alcuna responsabilità per la violenza anti-LGBTIQ né ha offerto un sostegno significativo alla comunità LGBTIQ.  IDNOWA ha quindi inviato una seconda lettera  all’Arcivescovo.

Il Sig. Dube ha dichiarato: “L’African Caucus è deluso dalla risposta e dal sostegno dell’Arcivescovo alle azioni omofobe nei confronti della comunità LGBTIQ in Ghana.  La chiesa dovrebbe essere un rifugio sicuro per tutti, indipendentemente dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere.  I vescovi hanno deluso i cittadini LGBTIQ sostenendo gli autori delle violazioni dei diritti umani.  A questo punto dovrebbero fornire uno spazio sicuro, ma stanno appoggiando l’odio.  In quanto potente entità nel paese, la chiesa dovrebbe assumere la guida nella protezione dei figli di Dio “.

L’African Caucus della GNRC ha affermato: “Il nostro obiettivo è vivere le nostre vite come persone LGBTIQ in modo moralment   integro senza essere minacciati dal diritto penale o dai ricatti che ne derivano; senza essere costretti a nascondere il nostro vero io ei nostri amori alle nostre famiglie e ai vicini;  senza essere spinti a matrimoni eterosessuali per nascondere la nostra identità sessuale;  senza essere esclusi dall’istruzione e dai servizi sanitari;  senza essere condannati nelle prediche;  senza essere esclusi dalle parrocchie a cui apparteniamo “.

Rete globale dei cattolici arcobaleno 2021 Sito

web: www.rainbowcatholics.org Mail: media@gnrcatholics.org Twitter: GNRCatholics

Instagram: gnrcatholics Facebook: GlobalNetworkofRainbowCatholics

La Rete Globale dei Cattolici Arcobaleno (GNRC) riunisce organizzazioni e individui che lavorano per la cura pastorale e la giustizia per le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali e queer (LGBTIQ +) e le loro famiglie.  Lavoriamo per l’affermazione, l’inclusione, la dignità e l’uguaglianza della nostra comunità Rainbow nella Chiesa cattolica romana e nella società.  La GNRC è stata fondata a Roma nell’ottobre 2015 e ha ratificato e adottato la sua Costituzione e il Regolamento interno a Monaco-Dachau nel dicembre 2017. GNRC è stata ufficialmente registrata in Italia come organizzazione internazionale del Terzo Settore il 17 dicembre 2017.

This entry was posted in Italian. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *