Equal Future 2018: la maggioranza dei cattolici negli otto maggiori paesi cattolici del mondo chiede alla Chiesa di cambiare il suo approccio ai giovani LGBT

 

Contatto:

Tiernan Brady, Campaign Director

media@equalfuture2018.com – +353878505972

 

English / Spanish / Italiano

Un nuovissimo sondaggio ci mostra oggi che la maggioranza dei cattolici praticanti negli otto maggiori paesi cattolici del mondo vuole che la Chiesa adotti un approccio più positivo nei confronti dei giovani e cambi il loro insegnamento sulle persone LGBT.

I sondaggi, condotto da YouGov per la campagna Equal Future 2018, sono stati condotti negli otto maggiori paesi cattolici del mondo: Brasile, Messico, Colombia, Filippine, Stati Uniti, Francia, Spagna e Italia. Collettivamente questi paesi comprendono la metà della popolazione totale mondiale di battezzati cattolici.

Il direttore della campagna di Equal Future 2018, Tiernan Brady, ha dichiarato: “Questi risultati del sondaggio sono un chiaro invito alla gerarchia della Chiesa cattolica dai suoi membri che è ora di cambiare il loro approccio alle persone LGBT. Il popolo della Chiesa cattolica sta aprendo la strada alle questioni LGBT ed è ora che i dirigenti raggiungano il loro gregge “.

“Le cifre mostrano chiaramente che le persone cattoliche in tutto il mondo credono che l’attuale insegnamento e approccio della gerarchia nei confronti delle persone LGBT possa creare problem a bambini e giovani e la netta maggioranza vuole che la Chiesa cambi il suo approccio”.

“L’adesione alla richiesta di approccio della Chiesa cattolica alle persone LGBT si riscontra non solo tra la popolazione generale di tutti i paesi intervistati, ma anche tra i cattolici battezzati e praticanti. Questa richiesta di cambiamento non proviene dal’esterno della Chiesa ma dalla sua stessa gente “.

“La verità è che fin troppi bambini e giovani crescono pensando che se loro o un loro conoscente risultasse essere LGBT sarebbe una sfortuna o un problema. La maggior parte del danno che deriva dall’imparare tali atteggiamenti accade ai bambini e ai giovani molto prima che qualcuno sappia se sono LGBT o no. “Brady continua.

Il Sinodo dei giovani cattolici a Roma durerà tre settimane dal 3 al 28 ottobre. La campagna Equal Future 2018 ha creato una piattaforma online su  www.equalfuture2018.com in cui le persone possono parlare direttamente al proprio delegato del Sinodo.

“Il Sinodo è un’opportunità unica per la gerarchia della Chiesa cattolica per riconoscere qualcosa che oggi più che mai è maggiormente compreso, considerando ando una risposta all’evidenza dei problem che sono arrecati a bambini e giovani. Questo Sinodo è stato istituito per riflettere sulla vita dei bambini e dei giovani di tutto il mondo e le problematiche e le sfide che devono affrontare. Ignorerebbe quanto richiesto dai fedeli e dai giovani se non affrontasse I problemi arrecati ai bambini e ai giovani dallo stigma LGBT “conclude Brady.

Visualizza l’executive summary dei risultati del sondaggio

Visualizza le diapositive dei risultati globali qui.

Equal Future 2018 è una coalizione di persone LGBT, progressisti credenti, bambini e giovani, e altri gruppi provenienti da oltre 60 paesi in tutto il mondo che stanno cercando di porre fine ai problemi che derivano a bambini e giovani quando  hanno la sensazione che essere LGBT sarebbe un sfortuna o una delusione.ENDS

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *