Speciale GNRC GMG – Parte I: Clima migliore nella Chiesa Polacca per le persone LGBT

Pur senza svolte sensazionali, la Gionata Mondiale della Gioventù ha portato ad una mutata opinione  in merito alla presenza di persone LGBTI nella chiesa polacca.

English / EspañolFrançaise / Italiano / Portugues

5a56f8ad0352cc1724f995b723

Di Marcin Dzierzanowski – giornalista polacco, attivista del gruppo Cristiano cattolico polacco Wiara I Tecza (Fede e Arcobaleno).

“Papa Francesco predica il Vangelo, e il Vangelo è per tutti. La Giornata Mondiale della Gioventù è una formula aperta, anche gli omosessuali sono invitati a prendervi parte”, ha detto Frate Piotr Studnicki, portavoce del Cardinale Stanisław Dziwisz, alcuni giorni prima dell’arrivo del Papa in Polonia. Il Cardinale Dziwisz, per lungo tempo collaboratore vicino a Papa Giovanni Paolo II in Vaticano e vescovo metropolita di Cracovia dopo la sua morte, gode di una fama particolare in Polonia.  E’ grazie ai suoi sforzi se Cracovia è divenuta la città che ha ospitato la Giornata Mondiale della Gioventù nel 2016.

Non c’è da stupirsi quindi che le parole del portavoce del cardinale Dziwisz si siano diffuse a macchia d’olio per tutto il mondo dei media in Polonia. In Polonia , l’affermazione che non avrebbe causato tanto scalpore in Europa occidentale o negli Stati Uniti , è arrivata come una bomba . Fino ad ora , le gerarchie polacche non hanno parlato di persone LGBT in modo positivo, nè  hanno riconosciuto la presenza di omosessuali, bisessuali e transgender tra i figli fedeli della Chiesa . Al contrario , gli ultimi anni hanno visto una serie di dichiarazioni eccezionalmente ostili dei rappresentanti della Chiesa in materia LGBT , nella maggior parte dei casi inserite nel contesto della lotta alla cosiddetta ‘ ideologia gender

L’ atmosfera ostile nella Chiesa è amplificata dal malsano clima politico. In termini di status giuridico delle persone LGBT , la Polonia sembra essere bloccata proprio nel mezzo tra Est e Ovest dell’Europa . Le organizzazioni LGBT possono operare liberamente, ma non vi è ancora alcun riconoscimento legale delle unioni tra persone dello stesso sesso . La situazione si è aggravata con la presa di potere, alla fine dello scorso anno, dell’area conservatrice che ha fatto ricorso alla retorica cattolico-nazionalista.

In tale contesto, qualsiasi forma di invito o accoglienza delle persone omosessuali alla Giornata Mondiale della Gioventù da parte della Chiesa polacca sembra essere un barlume di speranza . Indubbiamente, questo risulta dal lavoro di Wiara i Tęcza ( Fede e Arcobaleno), gruppo di polacchi cristiani LGBTQ che si sta battendo attivamente per il miglioramento della situazione delle persone LGBT nella Chiesa in Polonia dopo l’annuncio del Sinodo della Famiglia da parte di Papa Francesco. Una delle attività del gruppo è stata quella di raccogliere l’opinione di 130 persone cattoliche LGBT, provenienti da tutta la Polonia, relativa alla loro situazione nella Chiesa. Una sintesi di queste risposte è stato consegnata ai rappresentanti dell’Episcopato Polacco . I membri di Fede e Arcobaleno hanno anche incontrato numerosi vescovi , tra cui il già citato Cardinale Dziwisz e i suoi due vescovi ausiliari . Uno di questi è stato il Vescovo Damiano Muskus , coordinatore generale dei preparativi per la Giornata Mondiale della Gioventù a Cracovia .

Questo incontro ha avuto a che fare in particolare con i preparativi per il grande evento giovanile. Su iniziativa di Fede e Arcobaleno insieme con il Forum europeo dei gruppi cristiani LGBT , durante la GMG è stata allestita “un’ oasi per i pellegrini LGBT” . Per diversi giorni in una delle caffetterie di Cracovia , i volontari hanno ospitato un punto informativo e pastorale , dove i pellegrini omosessuali , bisessuali e transgender potevano pregare insieme, guardare la diretta delle celebrazioni  con il Papa e condividere le loro esperienze di vita . Il programma prevedeva incontri con  sacerdoti e psicologi , workshop, dibattiti , proiezioni di film e momenti di culto  sia cattolico che ecumenico . Ospiti speciali dello spazio  sono stati il pastore Jim Mulcahy , coordinatore per l’ Europa orientale della sede statunitense della Metropolitan Community Church, Brendon Fay , attivista per i diritti umani e regista di New York e il dottor Michael Brinkschröder , teologo cattolico e sociologo di Monaco di Baviera , attivista del ” Forum Europeo dei Gruppi Cristiani LGBT” .

Pilgrim Icon 2

” Ogni due anni le Giornate Mondiali della Gioventù  riuniscono persone in una delle principali città del mondo . Fino ad ora , l’unica Gmg in cui era stata organizzata un’iniziativa LGBT-friendly per i pellegrini era stata Colonia 2005. Abbiamo pensato che sarebbe stata una buona idea fare qualcosa di simile in Polonia ” , spiega Misha Cherniak , uno dei coordinatori del progetto . ” Il Vescovo Damiano Muskus è stato informato dei nostri piani e ha espresso un parere favorevole . Eppure, come ci aveva avvertito, non vi è stata alcuna possibilità di includere il nostro progetto nel programma ufficiale della GMG ” .

“Nel corso dei sei giorni di funzionamento dell’ oasi abbiamo avuto tra i 50 ei 60 visitatori”, dice Artur Barbara Kapturkiewicz, uno dei co-fondatori di Fede e Arcobaleno che è stato anche attivamente coinvolto nel progetto Haven (“Oasi”, ndr). “Siamo stati molto felici di vedere così tanti giovani pellegrini. Per molti di loro questa è stata la prima occasione per condividere con gli altri il loro problema di conciliare la propria fede e la propria omosessualità. Oltre ai Polacchi, abbiamo accolto pellegrini provenienti da Germania, Inghilterra, Russia, Cina e Canada. I nostri visitatori sono stati particolarmente interessati alla conferenza sulla lettura non discriminante della Scrittura e al seminario sulla Divina Misericordia. Abbiamo anche celebrato l’Eucaristia insieme “, dice Artur Kapturkiewicz. “Abbiamo apprezzato la cura pastorale di sacerdoti cattolici aperti alle persone LGBT e quella dei ministri di altre confessioni cristiane”, aggiunge.

Purtroppo le speranze nutrite da alcune persone all’interno della comunità LGBT che il Papa avrebbe chiesto scusa per i peccati commessi contro gli omosessuali, bisessuali e transgender non si sono mai avverate. Anche se ha parlato a lungo delle persone escluse ed emarginate, il Pontefice infatti non ha mai menzionato esplicitamente le persone LGBT. Eppure, nella sua ultima omelia, parlando di Zaccheo, il Pontefice ha menzionato tre barriere che un credente deve superare sulla strada verso Cristo. Queste parole sono molto importanti per le persone LGBT.

Il primo di questi ostacoli è la piccola statura. Il Papa ha detto che a volte “non ci sentiamo abbastanza grandi, perché non ci sentiamo degni”. Il secondo ostacolo è l’imbarazzo. Zaccheo “sapeva che, nel tentativo di scalare quell’albero, sarebbe diventato lo zimbello di tutti. Eppure ha imparato a controllare il suo imbarazzo, perché l’attrazione verso Gesù era più potente “. Il terzo e l’ultimo ostacolo che il Papa ha elencato è stato la resistenza della gente intorno a Cristo. “E ‘stato il brontolio della folla, che per primo lo ha bloccato e poi lo ha criticato: Come poteva Gesù essere entrato nella sua casa, la casa di un peccatore!”, ha detto il Papa.

Per il gruppo Fede e Arcobaleno di cristiani LGBT polacchi, l’esperienza della Giornata Mondiale della Gioventù e l’apertura dell’oasi è stato infatti un superamento di quella terza barriera. A giudicare dal grande interesse che i pellegrini e i media hanno avuto nel progetto e dal tono generalmente positivo della maggior parte dei commentatori ecclesiali, Fede e Arcobaleno ha superato questa sfida con successo.

Per ulteriori informazioni riguardo le attività dell “oasi dei pellegrini LGBT”, leggi l’articolo di Brinkschroeder. Leggi anche dell’esperienza di un giovane pellegrino alla GMG nel diario di Eros Shaw.

WiT_smallWiara i Tecza (fede e arcobaleno) è un gruppo di Polacchi LGBTQ Cristiani, delle loro famiglie e amici. Cambiando la sensibilità all’interno della chiesa, WiT lavora per incrementare la tolleranza – e quindi l’accettazione – nell’intera società, così come anche per supportare la cordialità tra persone. La maggior parte dei membri sono di fede Cattolica Romana, ma WiT accoglie cristiani di ogni denominazione – con uno spirito ecumenico. WiT invita anche tutte le persone che sono in cerca della propria fede, che sono agnostici o atei, per creare comunione e dialogo.

 

This entry was posted in News/blog and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.