Opposizione all’omofobia nella chiesa cattolica

English / French / Spanish / Portugues / Italiano / Chinese

In occasione della Giornata internazionale contra Homo, Lesbo, Bi e Transfobia, vorremmo descrivere come la LGBT+fobia è stata vissuta da un cattolico LGBT+ nella sua parrocchia locale e come l’ha superata.

Vivevo in una città francese diversa da quella in cui vivo adesso. Una chiesa lì mi è stata particolarmente cara. Quando sono arrivato in Francia, venendo dall’Australia, è stato lì che ho scoperto la meravigliosa profondità spirituale che si può trovare in alcuni luoghi della Francia: un grande contrasto con l’Australia in quei giorni. Per circa otto anni ho cantato nel loro coro e ho adorato la loro bella e stimolante liturgia.

Quando incontrai la mia compagna, mi trasferii in un’altra parte della città, ma attraversavo la città per andare a messa nella mia chiesa preferita. Anche al mio partner è piaciuto e spesso ci siamo andati insieme, fuori e avanti per molti anni. Dato che voleva essere il più vicino possibile all’altare durante la messa, abbiamo scelto un luogo adatto, in cui eravamo particolarmente visibili.

Poi a una messa domenicale eravamo seduti nel nostro posto speciale e al momento del “Segno di pace”, mi sono girato sorridendo alla donna accanto a me per stringere la mano a lei. Fece una smorfia di disgusto e scosse la testa, rifiutandosi di prendermi la mano. Rimasi in piedi lì, tendendole la mano con il mio stupido sorriso ancora sul viso.

Un paio di settimane dopo eravamo seduti nello stesso posto prima dell’inizio della messa. Il giovane sacerdote andava avanti e indietro per preparare le cose quando all’improvviso mi sono accorto di noi. Venne di corsa da noi e disse: “Chi sei? Cosa stai facendo qui? ” Siamo rimasti molto sorpresi. Quando vide quanto eravamo stupiti, cambiò tono: “Voglio dire: vieni dalla parrocchia? Vieni qui spesso? ” Abbiamo risposto che non eravamo della parrocchia e che di tanto in tanto andavamo a messa lì. Sembrava calmarlo e se ne andò. Supponemmo che la donna si fosse lamentata con lui del fatto che ci fosse una spudorata coppia gay che osava presentarsi in massa e sedersi in un luogo ben visibile. Da allora siamo andati a sederci altrove.

Nel nostro posto più anonimo, a volte abbiamo notato un comportamento di evitamento. Una coppia etero verrebbe al nostro banco come per sedersi, vedrebbero noi due seduti lì e decidiamo di andare un po ‘più avanti.

Non molto più tardi, nel 2011 il mio compagno è morto e ho continuato ad andare in quella chiesa, da solo. L’anno seguente, il governo iniziò a annunciare che avrebbe approvato una legge a favore dell’uguaglianza matrimoniale e la gerarchia cattolica reagì fortemente contro di essa. Furono organizzati treni e autobus speciali per portare le persone a Parigi per dimostrazioni mostruose, dove venivano cantati slogan omofobi e anche alcuni slogan razzisti, dal momento che il ministro della Giustizia incaricato della nuova legge era una donna di colore.

Quindi, il giorno di Natale 2012, sono andato nella mia chiesa preferita. Un altro giovane sacerdote ha detto la messa e ha dato un’omelia che non era solo contro la legge pianificata, ma era chiaramente omofobica, con un ritornello sgradevole ripetuto più volte. Alla fine dell’omelia, mi alzai e uscii. Sono stato devastato. La domenica seguente andai in altre chiese ma ovunque il tema era la lotta contro “questa legge abominevole”. La legge è stata finalmente votata a maggio 2013.

Dopo la votazione di quella legge, la gerarchia cattolica in Francia ha capito che la civiltà non è finita, che la vita familiare non è stata distrutta e che il cielo non è caduto sulla nostra testa. Mostrano segni di voler compensare il dolore causato dal loro atteggiamento e stanno cercando di riconquistare le persone che hanno portato via. Circa un terzo delle diocesi in Francia offre ora un efficace supporto pastorale per le persone non eterosessuali e il loro numero è in aumento.

Nel 2014 una conferenza teologica The Ways of Love, sulla pastorale per i cattolici LGBT, è stata organizzata dalle persone che dovevano creare il GNRC. Mi è stato chiesto di tradurre in francese alcuni dei documenti che pubblicizzano questo evento. Terminato il mio lavoro, ho avuto un improvviso scoppio di rabbia e ho inviato questi documenti in una e-mail al giovane sacerdote con il titolo “In memoria della tua omelia per il Natale 2012.” Sono stato sorpreso di vedere, un paio di giorni dopo, che ha risposto: ha detto che il suo atteggiamento era cambiato molto da quell’omelia. Gli ho suggerito di leggere il libro di Claude Besson sui cattolici omosessuali (Homosexuels catholiques, sortir de l’impasse, 2012). Qualche giorno dopo rispose che aveva letto il libro e gli era piaciuto e lo avrebbe raccomandato alle persone che lo circondavano.

Dopo un paio di settimane, una domenica mi sono avventurato di nuovo in quella chiesa. Dopo la fine della messa, mi avvicinai al sacerdote e mi identificai come la persona che gli aveva inviato le e-mail. Era un po ‘imbarazzato ma gli ho detto: “Sai, per i gay come me, la Chiesa cattolica è la nostra famiglia. La vita in famiglia non è sempre facile. Ma è ancora la nostra famiglia”. Non ha risposto, ma ho ritenuto che l’episodio fosse chiuso.

È importante per noi persone “marginali” continuare ad andare in chiesa e renderci visibili. Dobbiamo dimostrare che anche qui apparteniamo. Ora sono legalmente sposato e ogni domenica vado con mio marito in una chiesa dove ci sentiamo ragionevolmente benvenuti, più benvenuti ad alcune persone che ad altre, ma la nostra presenza è parte della nostra lotta per il riconoscimento.

Michael Clifton

Sobre el autor: Michael Clifton es el delegado de GNRC de David et Jonathan en Francia. Nació en Australia pero se mudó a Francia a principios de los años 70. Actualmente está casado y vive en Nancy, Francia.

This entry was posted in Testimony and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *