I gruppi cattolici LGBTIQ + di tutto il mondo ricordano al Vaticano che “ciò che Dio ha reso puro, non devi chiamarlo profano”

Il Global Network of Rainbow Catholics risponde alla Congregazione per la Dottrina della Fede e al suo “Responsum al dubium riguardante la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso”.

Inglese / Spagnolo / Italiano / Portoghese / Cinese / Francese

6 marzo 2021. Il Global Network of Rainbow Catholics (GNRC), una rete di oltre quaranta organizzazioni che sostengono i cattolici LGBTIQ in tutto il mondo, dichiara: “Questo documento è davvero un grido reazionario in risposta all’aria fresca che sta riempiendo la Chiesa proveniente da quelle parrocchie e comunità laiche nel mondo dove le benedizioni per le coppie dello stesso sesso sono già una realtà concreta. Il documento del Vaticano diffuso oggi, chiamato “Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede a un dubbio sulla benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso”, utilizza discutibili argomentazioni teologiche per respingere le affermazioni di una Chiesa vivente che vuole riformare gli insegnamenti cattolici obsoleti sulla sessualità “.

Michael Brinkschroeder, un teologo cattolico e membro di Homosexuelle und Kirch e di QueerGottesdienst Munich,  gruppi tedeschi membri del GNRC, afferma: “Molti vescovi tedeschi hanno espresso il loro sostegno alle cerimonie di benedizione in passato ed è una questione rilevante del dibattito sul Sentiero sinodale. Il presidente della Conferenza episcopale tedesca ha accolto l’argomentazione come contributo alla conversazione in corso, ma ha anche affermato che richiede argomenti teologici importanti e più profondi “. Le discussioni spontanee che sono sorte in Germania e altrove sulle cerimonie di benedizione sono per lui un segno che il popolo di Dio ha più potere che in passato e chiede una vera argomentazione teologica che non si basi su vecchi pregiudizi e autorità prevenute. “Non possiamo considerare teologicamente giustificato un argomentazione sulla diversità sessuale e di genere che proviene dal Catechismo cattolico semplicemente perché è confermata nel catechismo stesso, soprattutto perché ci sono molti studi che hanno già dimostrato la sua mancanza di sostegno biblico e accademico”, afferma Brinkschroeder.

Mary E. Hunt, membro della Commissione Teologica della GNRC e teologa, chiarisce che “le benedizioni per le relazioni tra persone dello stesso sesso stanno accadendo in molte comunità cattoliche con proficui benefici. Così anche i matrimoni tra persone dello stesso sesso vengono celebrati in alcune comunità cattoliche per il reciproco benessere di coloro che si sposano e di coloro che sono loro testimoni e sostenitori “. Precisa questo perché nel documento manca l’informazione che questa realtà pastorale è già presente. Hunt continua: “I piani e le proposte per tali benedizioni si sono trasformati da tempo in una pratica pastorale sempre più comune che sta gradualmente diventando più pubblica. Approviamo e sosteniamo questi sforzi “.

Christopher Vella, co-presidente del GNRC, cattolico in un matrimonio omosessuale, ha aggiunto: “È triste ricevere questo tipo di risposta dal Vaticano. A noi sembra che la Chiesa voglia tenere la testa sotto la sabbia e rimanere completamente ignara del “vino nuovo” delle relazioni omosessuali e della loro sacramentalità, continuando a usare termini come “peccato” e “contro il piano di Dio”. Evidenzia l’impatto emotivo negativo che la dichiarazione vaticana avrà non solo sui cattolici LGBTIQ ma sull’intera comunità cattolica in un momento di crisi, quando dovrebbe prevalere un appello all’accoglienza e non al rifiuto. “Perché la Chiesa continua a usare concetti e terminologie obsoleti come” inclinazioni omosessuali “? Perché nega ancora la realtà delle persone LGBTIQ e il loro posto nel variegato ordine della natura di Dio? “, si domanda Vella.

Il GNRC spera e prega che la Chiesa raggiunga il suo “Momento di Damasco”, come San Paolo, e apra gli occhi sul grande danno che tali dichiarazioni causano. Possa essa, come San Pietro, capire che “Ciò che Dio ha reso puro, non lo devi chiamare profano” (Atti 10:15).

Diversi membri del GNRC hanno anche rilasciato le proprie dichiarazioni su questo tema, tra cui fino ad oggi: DignityUSA (inglese), New Ways Ministry (inglese), Fortunate Families (inglese), Quest LGBTI (inglese) e Rede Nacional de Grupos Católicos LGBT (portoghese).

Rete Globale dei Cattolici Arcobaleno 2021 Sito

web: www.rainbowcatholics.org Mail: media@gnrcatholics.org Twitter: GNRCatholics

Instagram: gnrcatholics Facebook: GlobalNetworkofRainbowCatholics

La Rete Globale dei Cattolici Arcobaleno (GNRC) riunisce organizzazioni e individui che lavorano per la cura pastorale e la giustizia per le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali e queer (LGBTIQ +) e le loro famiglie.  Lavoriamo per l’affermazione, l’inclusione, la dignità e l’uguaglianza della nostra comunità Rainbow nella Chiesa cattolica romana e nella società.  La GNRC è stata fondata a Roma nell’ottobre 2015 e ha ratificato e adottato la sua Costituzione e il Regolamento interno a Monaco-Dachau nel dicembre 2017. GNRC è stata ufficialmente registrata in Italia come organizzazione internazionale del Terzo Settore il 17 dicembre 2017.

This entry was posted in Italian. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *