Lettera aperta ai Vescovi della Polonia dalla da GNRC

Lettera aperta ai Vescovi della Polonia dalla Rete Globale dei Cattolici Arcobaleno (GNRC): PROTEGGETE I VOSTRI AGNELLI

“Ci auguriamo che come nostri pastori e pastori utilizziate ogni mezzo a vostra disposizione per proteggere la dignità e i diritti umani di ogni persona affidata alle vostre cure, comprese le persone LGBTIQ e le loro famiglie”.

English / Español / French / Italiano / Polish / Portuguese / Chinese

È con grande preoccupazione che il GNRC vede emergere una trama dalle azioni e dalle dichiarazioni dei Vescovi della Polonia contro la nostra amata famiglia LGBTIQ, e in particolare i membri Trans della nostra famiglia.

Ai nostri Fratelli, i Vescovi della Polonia,

Vi scriviamo come leader della Rete globale dei cattolici arcobaleno. GNRC riunisce organizzazioni e individui che lavorano per la cura pastorale, la giustizia, l’inclusione, la dignità e l’uguaglianza per le persone LGBTIQ (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali, queer) e le loro famiglie nella Chiesa cattolica romana e nella società.

Scriviamo con profonda preoccupazione per le nostre sorelle, fratelli e parenti in Polonia che temono molto la loro incolumità, specialmente ora dopo la rielezione del presidente Duda per un altro mandato. Le persone LGBTIQ in tutta la Polonia, a ragione, temono per la loro sicurezza, protezione dalla violenza, sicurezza economica e dignità di essere membri della società. Alcuni si sentono anche messi da parte, o addirittura ulteriormente emarginati, da preti e altri funzionari della chiesa che li denunciano semplicemente a causa della loro identità.

Scriviamo per ribadire la nostra convinzione, in coerenza con il Catechismo della Chiesa Cattolica, paragrafo 1931: “Il rispetto per la persona umana procede attraverso il rispetto del principio che” ognuno dovrebbe considerare il suo prossimo (senza alcuna eccezione) come “un altro sé , “Soprattutto tenendo conto della sua vita e dei mezzi necessari per viverla con dignità ‘”. Ci auguriamo che come nostri pastori utilizziate ogni mezzo a vostra disposizione per tutelare la dignità e i diritti umani di ogni persona affidata alla vostra cura, compresi coloro che sono LGBTIQ e le loro famiglie. In effetti, date le minacce e la vulnerabilità che stanno vivendo, questa comunità ha bisogno di un’attenzione speciale, sostegno e supporto da parte dei leader della nostra chiesa.

La situazione civile nel vostro paese ha come conseguenza che le persone LGBTIQ polacche sono tra le più vulnerabili al mondo. I difensori dei diritti umani e le persone di buona volontà in tutto il mondo osserveranno ciò che si svilupperà in Polonia nei mesi e negli anni a venire. Vi esortiamo ora a rendere prioritario per la Conferenza episcopale polacca la protezione dei diritti umani e un’adeguata cura pastorale delle persone e delle famiglie LGBTIQ. Con alcuni dei gruppi nostri membri e altri amici in Polonia, vorremmo offrire il nostro supporto e la nostra collaborazione nel fornire questa assistenza o nell’aiutare ad indirizzare le esigenze di sicurezza di individui e famiglie.

Preghiamo per la giustizia, la pace e l’opportunità per ogni individuo di vivere la propria individualità in un modo che rifletta l’amore divino in questo mondo. Preghiamo per il vostro ministero, il vostro servizio e la vostra guida e per i modi in cui lavorerete per portare a compimento il regno di Dio.

In Cristo

Ruby Almeida        Christopher Vella

Co-Presidente        Co-Presidente

Nota: questa lettera aperta è stata inviata il 23 agosto 2020, all’indirizzo di posta elettronica pubblico di ciascun vescovo della Polonia. Nella stessa settimana, la Conferenza episcopale polacca ha pubblicato un documento molto dannoso e duro (disponibile solo in versione in polacco) chiedendo ai cattolici LGBTIQ di sottoporsi alla cosiddetta “terapia di conversione” e alle istituzioni dello Stato di sostenere questo approccio dannoso e sconfessato dalla comunità scientifica. In risposta, ora dobbiamo integrare il nostro messaggio originale con una breve aggiunta: “E quindi grande fonte di tristezza venire ora a conoscenza del recente rapporto della Conferenza episcopale polacca che ha causato grande preoccupazione e ansia nelle nostre comunità. Sosteniamo le nostre comunità LGBTIQ in Polonia e in Europa che ora stanno lavorando insieme per contestare e rispondere a questo nuovo documento molto dannoso, che è contrario agli insegnamenti della Chiesa sul trattare tutte le persone, specialmente le persone LGBTIQ, con rispetto, dignità e compassione “.

This entry was posted in News/blog and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *